Pagine

Brasato al vino rosso e... novità!

La blogsfera in questo periodo.. bè veramente in qualsiasi periodo, pullula di contest culinari di ogni sorta. Vi confesso che pur non essendo una persona competitiva, mi piace partecipare, ma con lo stesso spirito con cui si potrebbe andare ad una cena o a un pranzo da amici dove ad ognuno viene chiesto di portare qualcosa... a parte l'appetito!! Certo, speri che il tuo qualcosa sia apprezzato e piaccia a tutti, ma senza per forza dover primeggiare.
Ecco, con questo spirito io raccolgo le piccole grandi sfide a cui partecipo.
Per cui immaginate con quale stupore ho appreso di essere tra le vincitrici del contest "Le mani in pasta - Il Comfort Food" di Molino Chiavazza con le mie tagliatelle al ragù e fra le finaliste del contest di Batù del blog Batuffolando "Dall'antipasto al dolce" con la pissaladière.
Ringrazio qui pubblicamente tutti gli organizzatori e i giudici di questi due contest, per me è un onore!



Ora gongolo un po’, almeno un’altra mezz’ora, posso?
Yuppy!
Altra novità è che BurroeZucchero ora ha un posticino tutto suo su Oggibologna.it  magazine quotidiano on line che si occupa di informazione a 360° non solo su Bologna. Quindi cronaca, viaggi, cucina (J), libri, cinema, arte e tantissimi altri contenuti!
Sono veramente contenta di questa opportunità, e spero che il mio blog possa dare un contributo interessante al magazine!

E ora la ricetta. 
Questa l'avevo vista tempo fa su una guida del Gambero Rosso "Le carni rosse" uscita qualche anno fa in edicola. L'ho modificata un pò e ne è uscito un secondo veramente gustoso che tutti in casa hanno gradito!
Il brasato non lo conoscevo. Per me il brasato è sempre stato legato al ricordo di una scena di un film con Abatantuono,  Vacanze di Natale 90 in cui lui facendo il cruciverba recita l'enigma "Appesantisce il guerriero" sette lettere..."Brasato" . E le mie conoscenze in merito si fermavano lì, pensate un pò... Poi sfogliando vari libri di cucina ho scoperto che il termine "brasare" deriva dalla tradizione culinaria contadina.
La mattina i contadini mettevano un pezzo di carne in una casseruola ricoperta di braci (in piemontese "brasi") per poi mangiarla la sera, di ritorno dai campi, quando la lunga cottura l'aveva resa tenera.
Il brasato è una preparazione tipica delle regioni del Nord Italia, ed anche un piatto tipicamente invernale.

Non avendo a disposizione della carne di manzo ho provato a fare questa ricetta con della carne di suino. Non avrei mai osato postarla, ma essendo venuto un brasato veramente ottimo, mi permetto di riportare qui di seguito gli...

Ingredienti:
800 gr polpa di coscia di suino
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
olio evo q.b.
1 rametto di rosmarino
1 spicchio d'aglio
1 foglia di alloro
sale e pepe
pepe in grani
burro
1/2 litro di vino rosso (io Bardolino)


La sera prima preparate la marinata. Potete usare una ciotola grande oppure un sacchetto di plastica per alimenti. Io seguo quest'ultimo metodo, da quando l'ho visto fare a Nigella in tv .. secondo me è un sistema comodissimo.
Quindi a voi la scelta!
Nel sacchetto ho messo la carota, la cipolla e il sedano tagliati a rondelle, la carne, il vino, sale, pepe, qualche granino di pepe intero, la foglia di alloro, lo spicchio d'aglio e il rosmarino. Ho mescolato tutti gli ingredienti in modo che avvolgessero bene la carne.
Ho messo il sacchetto di plastica dentro una ciotola e l'ho lasciato in frigo fino al giorno dopo (oppure potete farlo al mattino per la sera). Comunque la carne deve marinare non meno di 10-12 ore.
Una volta pronta, ho tolto la carne dalla sua marinata, l'ho asciugata con della carta da cucina.
L'ho salata e pepata e l'ho fatta poi rosolare per circa 10 minuti in un tegame a bordi alti dove avevo scaldato circa 3 cucchiai di olio evo e una noce di burro.
Quando era ben rosolta ho unito tutti gli ingredienti della marinata e ho proseguito la cottura a fiamma media/bassa per 3 ore, mescolando e rigirando la carne di tanto in tanto.
Nonostante la lunga cottura la carne si è mantenuta morbidissima.
Trascorse le 3 ore ho tolto la carne dal tegame e l'ho tagliata a fette.
Ho frullato col frullatore a immersione il fondo di cottura e l'ho fatto restringere per qualche minuto.
Ho disposto la carne a fette nel piatto di portata, cospargendolo con il sugo.

GNAM!
Per abbinare il giusto vino a questo secondo di carne ho chiesto aiuto come al solito alla mia amica Natascia di Etica vitis che mi ha consigliato questo Barbaresco biologico DOCG della pluripremiata cantina Punset
Barbaresco DOCG "Campo Quadro"
è un vino intenso, complesso, con note speziate. La giusta temperatura di servizio è quella del salotto di casa, 18-20 gradi, per esaltarne le caratteristiche.
CIN CIN!!


Con questa ricetta partecipo al contest di Fior di Cappero "Al contadino non far sapere come è buono il formaggio con le pere..."


27 commenti:

  1. Ciao! Buonissimi questo brasato! Sto seguendo un corso per diventare operatore fiscale cioè per fate le denunce dei redditi....brutta roba ma mi piace!solo che arrivo a casa !ardi e stanchissima! Cmq complimenti per le tue vittorie ai contest!baci a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che brava! io non ci capisco un'acca di quello che studi... però servono tante persone come te con tutte le tasse che dobbiamo pagare!! eheheeh! grazie per i complimenti! ti mando un bacione!

      Elimina
  2. Buonissimo il brasato. Complimenti per la vittoria. Fa sempre piacere ricevere dei premi, significa che quello che abbiamo fatto è piaciuto molto anche ad altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Flò, sì lo ammetto fa veramente piacere! grazie e un bacione!

      Elimina
  3. Ottimo questo brasato...immagino che sapore con la carne di suino!!
    Abbracci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie grazie grazie! la carne di suino la uso spesso, è più economica e vengono fuori dei bei mangiarini!!! un abbraccio anche a te!

      Elimina
  4. Complimenti per le vittorie! E complimenti per questo splendido brasato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elly! sei sempre carinissima!

      Elimina
  5. Complimentissimi per tutto!! Per i contest, per la rivista on line e per questo brasato deliziosamente gustoso!! Un bacione e bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia! grazie del commento! bravissima sei tu e le splendide ricette che vedo sul tuo blog, che seguo sempre!!!un bacione!

      Elimina
  6. Complimenti per i contest,per il magazine e per questo meraviglioso brasato. Io lo preparo spesso,ma non ci ho mai pensato di dedicarci un post bello come il tuo che lo esalta come fosse la regina delle portate.Bacioni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonietta! dovresti postare la tua ricetta del brasato! mi piacerebbe imparare altri modi per cucinarlo! un bacione e a presto!

      Elimina
  7. Un complimento unico, ma grande, per tutti i tuoi successi! *_*

    RispondiElimina
  8. ...e mica volevo dimenticare il brasato!!! è favoloso! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! sei troppo carina! a presto sul tuo bellissimo blog!

      Elimina
  9. una meraviglia se insisti e faccio un assaggino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giovanna, sei unica! hai sempre un pensiero per tutti noi!! e quando dico tutti, dico PROPRIO tutti!!!! bacioni e ti aspetto veramente per l'assaggino, eh!

      Elimina
  10. Ma che notiziona!!!! Intanto supercomplimenti per i contest, poi ora vado a leggere questa novità sul tuo blog.
    Brava, brava, brava!

    RispondiElimina
  11. Ciao Francy, il piacere di conoscerti è tutto mio! Complimenti per l'opportunità a BolognaOggi.Ti seguirò, già inserito nei preferiti!
    Guarda meriteresti un premio solo per la battuta sul brasato e Abatantuono, troppo simpatica! Ma è il tuo di brasato che è una delizia, quindi grazie per la tua partecipazione e in bocca al lupo!
    P.S. se capiti in via d'azeglio e ti va un caffè, suona al numero 76/a, è il mio negozio...una caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina! grazie mille!!! la prossima volta che vengo in centro passo sicuro! io abito a San Lazzaro, con il mio compagno e due pargoli di 3 e 6 anni, quando mi danno l'"ora d'aria" arrivooo!! bacioni e a presto!

      Elimina
  12. Hi Francy, thanks for stopping by my blog earlier. You have a very pretty site here. And your food looks really mouthwatering. And the place where you stayed look so white. Really really white & icy cold. Hope you're all well. Would love to hear from you for more often.
    Cheers
    Kristy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi Kristy! of course I will get back to you soon! thank you for stepping by, I love your blog too! a big kiss!

      Elimina
  13. complimenti cara, gongola gongola che te lo meriti!!!!
    questo brasatino lo mangerei con una bella polentina calda calda....mmmmhhhhh!!!
    bacioni
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabina, grazie di essere passata! io ho qualche problema con la polenta, magari taragna, sì!! bacioni a te e Elsa!

      Elimina
  14. Complimenti...bravissima!!!
    Ecco questa è una ricetta da godersi nel tepore della casa!!
    bellissima
    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana! sì gustato caldo caldo è stato un conforto in queste giornate gelidissime! grazie e bacioni!

      Elimina

Ditemi la vostra!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...