Pagine

Crema salata di marroni e zucca



Per questa sfida di Novembre dell'MTC,  la protagonista è la castagna e la cucina povera. Serena ci ha ben descritto l'atmosfera che si respira nei paesi di montagna, dove le cose sono fatte "come una volta" e la gente è di quella semplice e schietta, di quella che pur nella povertà  è sempre pronta a dare una mano e condividere il poco, con tutti.
Ma che cos'è realmente la povertà? Com'era la vita di quelle popolazioni che trovavano sostentamento solo in ciò che ricavavano dalla terra, dal bosco e in generale dalla natura? Me lo sono chiesta tante volte, ovviamente senza trovare le risposte e nemmeno una vaga idea di cosa significava realmente essere poveri. Penso alle popolazioni antiche, ma anche a quelle vissute in tempi più recenti, al dopoguerra, agli abitanti del Terzo Mondo, a tutte quelle persone che ancora oggi faticano a mettere insieme il pranzo con la cena. Che dipendono o da ciò che coltivano, o da ciò che riescono a comprare con i pochi soldi racimolati oppure dalla carità degli altri. Non voglio creare un quadretto da "piccola fiammiferaia", sia chiaro, piuttosto cercare veramente di immedesimarmi in una situazione di povertà per vedere se sarei in grado di portare in tavola qualcosa di ugualmente appetitoso, partendo da da poco più che niente. 
Missione fallita. Che ne so io della povertà, quella vera? niente. 
Come facevano quelle popolazioni a vivere di castagne e poco più? mi vien da dire che lo spirito di sopravvivenza prevale su ogni cosa, e ti fa realizzare cose impensate.

Io mi sono limitata ad andar "per bosco e per orto" e nel mese di Novembre ho trovato, oltre alle castagne, una bella zucca e dei finocchi.
Non vi sto a spiegare il perchè dei finocchi in questa ricetta, vi basti pensare agli effetti collaterali delle castagne e troverete la risposta! ;-)
E così è nata questa crema salata da spalmare su crostini, pane o crackers (era buonissima sui crackers integrali ai semi di lino, come nelle foto). 
Oppure da servire con verdura cruda, da affondarla dentro. In inglese si chiamerebbe "dip" (che  significa "immergere, inzuppare" e il sostantivo significa "intingolo, salsa"), ma a me piace più "crema" perché dà l'idea di qualcosa di morbido e sostanzioso. 
In questa crema ho messo insieme la castagna e la zucca, che nonostante siano due ingredienti che virano molto al dolce, insieme sono perfetti! 

L'aggiunta di qualche erba aromatica e dell'aceto e del vino hanno riequilibrato il tutto. Risultato: una crema saporita che però non ha perso la nota dolce e mi è piaciuta moltissimo!

Crema salata di marroni e zucca
dosi per un vasetto da 300 g
450 g di marroni 
260 g di zucca
1/2 finocchio
1 bicchierino di Marsala 
barba di finocchio
2 rametti di rosmarino
4 foglie di alloro
1 cucchiaio di aceto balsamico
sale grosso q.b.
Olio extravergine d'oliva
Sale fino q.b. 
pepe nero al mulinello q.b.

Sbucciate  i marroni e metterle in una pentola con l'acqua, mezzo bicchiere di marsala, il rosmarino, l'alloro, la barba del finocchio e una manciata di sale grosso. 
Portare a ebollizione e cuocere per circa mezz'ora.
Togliere la pellicina quando sono ancora caldi per facilitare l'operazione.
Cuocere la zucca e il finocchio in forno a 160° irrorandoli con un filo d'olio d'oliva.
Schiacciare i marroni, la zucca e il finocchio usando uno schiacciapatate, oppure un passa verdure e mettere la purea in un tegame. Unire un filo d'olio d'oliva e l'aceto e aggiustate con acqua se il composto vi sembra troppo asciutto. Unite una/due foglie di alloro, un rametto di rosmarino, aggiustate di sale, aggiungete una macinata di pepe nero e fate asciugare e insaporire a fiamma bassa per 10 minuti circa. Spegnete il fuoco, togliete l'alloro e il rosmarino e trasferire la crema in un vasetto a chiusura ermetica.
Bollite il vasetto per 20 minuti completamente immerso in acqua.

Con questa ricetta partecipo all'MTC di Novembre, dedicato alla castagna: 

22 commenti:

  1. Passo veloce perché sto a lavoro, ma non posso non farti i miei complimenti per questa delicata prelibatezza, che incontra pienamente il mio favore, perché come ben sai, tra il dolce e il salato,preferisci il secondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non vedo l'ora di sentire i tuoi commenti all'assaggio! spero ti piaccia!

      Elimina
  2. Adoro le castagne e la zucca...Sfiziosissima!!!

    RispondiElimina
  3. ecco, per dire, mia nonna una crema così le sognava.... : )))
    la gente "povera" (perchè la cucina è povera in quanto pure la gente non è che navigasse nell' oro) come mia nonna è cresciuta, e ci ha cresciuti, col motto: se si pote si pote e s' un si pote un si pote.
    chiaro e semplice. quello c' era. se si poteva fare con quello che c' era si faceva, altrimenti non si faceva, e non esistevano lagne, preghiere (vabbè, quelle magari si, in fondo non fanno mai male) o "impuntate".
    la tua crema però avrebbe sciolto anche quella donna alta e asutera che era da giovane mia nonna.. e scioglie anche me, mi immagino bene i sapori, ricchi, dolci, profumati......
    brava brava brava as usual..... : )))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci hai ispirati tutti in maniera incredibile cara Serena! è tutto merito tuo, quindi :-)

      Elimina
  4. deve essere a dir poco deliziosa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. Eccola! La aspettavo, soprattutto la motivazione ai finocchi! Ihhihihihihhihi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogna pensare proprio a tutto, eh ;-))) bacioni Silvietta!

      Elimina
  6. Pensa….io non ho fatto la salsa unendo zucca e castagne ma ho servito la mia di castagna su un tortino di zucca ;-).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho vista l'ho vista.. bellissima ricetta Lalla!

      Elimina
  7. Ma quante ricette meravigliose ci sta ispirando questo ingrediente? Da non crederci!
    E il tuo disegno dipinge bene l'unione perfetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho visto cose meravigliose in giro.. magie dell'MTC!

      Elimina
  8. Buonissima questa crema scioglievole e invitante!!!
    La voglio provare cara Francy, perché è golosa e semplice a un tempo e mi piace l'abbinamento dei sapori!!!

    RispondiElimina
  9. Appena ho visto la tua crema ho pensato "scioglievoleeezzaaaa"! Mi piace l'accostamento dei sapori... sì sì, questa la provo appena torno a casa!!! Già ora mi immagino a spalmarla ovunque... (...non leggerci sono doppi sensi, eh??) :P

    P.S. il disegno è bellissimo!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehehe no, dai, meglio la panna montata :-D grazie!!

      Elimina
  10. Il mio aperitivo della sera di Natale, quello fatto con gli amici e le amiche stremate ma ancora vogliosi..... avrà questa crema sui crostini!
    Sappilo!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un onore!! spero ti piaccia come è piaciuta a me! un bacione!!

      Elimina
  11. Ecco, a una crema non avrei pensato. Bellissima idea e mi piace anche come l'hai realizzata. (la castagna che incontra la zucca è fantastica!)

    RispondiElimina
  12. molto interessante, Franci, molto interessante. Ho appena visto una ricetta di chutney di castagne , che mi ha aperto un mondo sulle infinite possibiltà di impiego di questo frutto ed ora, neanche a farlo apposta, c'è la tua crema: che è di nuovo una proposta originale, molto equilibrata ma con personalità: la spruzzata di Marsala, la nota persistente del finocchio, l'aceto balsamico, tutti ingredienti che insistono sull'equilibrio del piatto eppure gli danno vigore. Ottima scelta, ottima intepretazione. Grazie!

    RispondiElimina

Ditemi la vostra!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...