Pagine

Soufflé di gamberi al cognac con parmigiano e salsa Sangria

Fabiana ha vinto l'MTC sullo strudel. E chi ne dubitava dopo aver visto il suo strucolo tatuato? La nostra Signora di Tagli e Intagli padroneggia con i coltelli meglio di un lanciatore da circo, ha un talento in cucina che fra gabbie, buche e cotture alternative ci lascia tutti i mesi a bocca aperta. Questo mese ci ha voluto regalare un viaggio in Francia su una nuvola di bontà. Col suo soufflé ci ha regalato un "magic moment" che parte dal primo assaggio e non finisce se non dopo aver grattato fino all'ultima soffice briciola.
Mi sono sentita leggera come una piuma, nonostante le millanta calorie che contiene questo leggerissimo composto e mi è partito il film di Fabiana in rotta verso la Francia.. :-)

 
 Soufflé di gamberi al cognac con parmigiano e salsa sangria
(per circa 6/7 soufflé monoporzione)
---* Per il soufflé * ---
Per l'impasto
30 g di maizena
300 ml di panna fresca
30 g di burro
6 uova
600 g di gamberoni (pesati interi)
30 g di Parmigiano Reggiano + altro per rivestire gli stampi
1/2 bicchierino di cognac
qualche rametto di timo limonato
sale fino q.b.
pepe al mulinello  q.b.
noce moscata q.b.
2 cucchiai di farina di nocciole
Per il fumetto di pesce
acqua fredda
teste e carapace dei gamberi previsti per la ricetta
1 cipolla piccola
1 carota
2 gambi di sedano
1 spicchio d'aglio
vino bianco
olio evo
---* Per la salsa Sangria * ---
300 ml di vino rosso
50 ml di acqua
1 arancia piccola non trattata
1/2 limone non trattato
1 mela piccola
100 g di ananas fresco
3 chiodi di garofano
2 rametti di rosmarino
noce moscata grattugiata q.b.
30 g di olio evo
15 g di amido di riso
1/2 bicchierino di cognac

Per prima cosa preparare il fumetto di pesce:
Togliere la testa ai gamberi e sgusciarli. Sciacquare bene il tutto e mettere in una pentola con gli odori e un filo d'olio d'oliva, far insaporire a fiamma alta mescolando di continuo. Sfumare con un poco di vino bianco poi coprire con acqua fredda, abbassare la fiamma al minimo e far cuocere per circa 45 minuti, schiumando spesso.
Preparate il "brodo" di frutta per la Sangria:
Tagliate gli agrumi in spicchi e separate la polpa dalle scorze, pelate e tagliate la mela a dadini, tagliate l'ananas a fettine e mettete tutto in una pentola assieme ai chiodi di garofano e al rosmarino, coprite il tutto con il vino rosso, l'acqua e il cognac. Far cuocere a fuoco medio-basso per circa mezz'ora. Spegnete, aggiungete una grattugiata di noce moscata e fate raffreddare, poi filtrate e frullate la frutta scartando le scorze degli agrumi, il rosmarino e i chiodi di garofano. Tenere da parte il liquido ottenuto.
In una padella scaldare un filo d'olio evo e far rosolare brevemente i gamberi. Sfumare con il cognac e aggiungere un mestolo di fumetto di pesce e finire la cottura. Far raffreddare e frullate i gamberi con il fondo di cottura, aggiungendo parmigiano e le foglioline di timo limonato. Otterrete un composto compatto, non umido.
Pre-riscaldate il forno a 200°C modalità statica.
Imburrate gli stampini e cospargeteli di parmigiano e farina di nocciola mischiati, scrollando via l'eccesso. Riponete in frigo a rassodare. Ripetete l'operazione e conservateli in frigo.
Sciogliete la maizena in un pò di panna e portate la restante a bollore in un pentolino. Quando bolle unite la mistura di panna e maizena e proseguite la cottura mescolando sempre con una frusta, fino a che la besciamelle non si sia addensata. Trasferitela quindi in una ciotola e aggiungete il burro, mescolando bene. Separate i tuorli dagli albumi e aggiungeteli uno alla volta mescolando bene e facendo assorbire il tuorlo prima di aggiungere il successivo.
Unite il composto di gamberi e regolate di sale, aggiungete pepe macinato al momento e la noce moscata grattugiata.
Montate gli albumi a neve ferma e con una spatola uniteli al composto gradatamente, iniziando con una piccola quantità per alleggerire il composto, poi unite il resto con movimento dal basso verso l'alto, ruotando la ciotola.
Riempire gli stampini per 2/3 e infornare per 15/18 minuti, senza mai aprire lo sportello del forno.
Nel frattempo preparate la salsa facendo un roux con l'olio scaldato in una padella a cui aggiungerete l'amido di riso. Mescolate e fate cuocere per 1-2 minuti, aggiungete il cognac e la purea di frutta. Cuocete aggiungendo gradatamente il brodo di sangria fino ad ottenere la consistenza desiderata. Salate leggermente e spegnete.
Sfornate i soufflé ed accompagnateli con la salsa sangria.

Questo soufflé è stata una rivelazione. In bocca una sensazione di leggerezza, il gusto dolce dei gamberi rinfrescato dal timo limonato e smorzato dall'acidità fruttata della salsa Sangria. Adoro la Sangria e in questa salsa sono rimasti tutti i suoi profumi: dalla frutta, alle spezie al rosmarino.
Grazie Fabiana, inutile dire che senza di te non avrei mai preparato un soufflé, men che meno con tutte queste elucubrazioni! Ogni volta il vincitore ci porta veramente a superare i nostri limiti! Che lezione questo mese!!







38 commenti:

  1. meraviglioso!
    tutto: soufflé, disegno, riuscita... e pure l'allegrissima salsa sangria!
    veramente ma veramente brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Gaia! la salsa sangria è nata dopo che avevo scelto di mettere i gamberi.. dopo è stato delirio puro!

      Elimina
  2. Ma tu sei un mito cara Francy, non finirò mai di dirlo e ogni volta riesci comunque a sorprendermi. Il disegno è come sempre fantastico, hai colto l'essenza di Fabiana e della sfida che ha proposto.
    Ma la ricetta mi lascia a bocca aperta. L'idea di fare una salsa alla sangria è assolutamente geniale come lo è quella di abbinarla ai gamberoni. Soufflé da urlo, ti voglio sul podio :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhhh, sul podio mi sa che questo mese c'è già un bell'affollamento, e siamo solo all'inizio! io sono contenta anche così, i film che mi partono in testa ogni volta che esce la ricetta della sfida sono incrdibili tipo mille e mille ingredienti che danzano nella mia testa (tanto di posto ce n'è ;-)))

      Elimina
  3. Oddio.... tu mi fai ammazzare dalle risate, hai un talento davvero incredibile, ogni mese crei delle immagini che colgono totalmente nel segno e mi fanno divertire da pazzi!!!!!!
    In effetti dopo disastrose esperienze con la macchina, motorini scassati ancor prima di terminare il rodaggio, la mongolfiera potrebbe essermi congeniale......se non altro per affinità fisica(....ma sarà mica per quello che ho scelto il soufflé??!!)
    ...e guarda caso pure il tuo soufflé è un viaggio... nel gusto!
    Mi è piaciuta l'idea della farina di nocciole che rende ancor più speciale ed elegante la coppia gamberi/cognac, ma la freschezza del timo al limone e quella salsa "mai vista prima al mondo"...vogliamo parlarne??'
    Con quella mi hai stecchita perchè non ho mai avuto il privilegio di assaggiarla e nemmeno di pensarla!!!!
    Grazie un miliardo di volte per le tue considerazioni gustative, per me sono assolutamente importantissime perchè magari non potendo assaggiare( ma perché???????????) potrei prendere una "strada sbagliata", invece le combinazioni più avventurose spessissimo si rivelano le più azzeccate e pure quelle con maggior affinità chimica.....come in questo caso.
    Troppo felice di questa ricetta.......super brava all'ennesima potenza:)))!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Fabiana! hai lanciato una sfida degna di questo nome, (come tutte le altre vincitrici del resto) ma ti confesso che il soufflé mi intimoriva.. ora ti dico che mi sono divertita da pazzi! :-)

      Elimina
  4. A proposito.....ma un bel libro con tutte le tue vignette no??!!

    RispondiElimina
  5. concordo con fabiana!!! un bel libro no? sei tropppo forte!! e anche troppoa brava! un soufflè leggero e pieno di gusto dai gamberi al fumetto alla sangria...splendido!! peccato non poter condividere tutte queste calorie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuoi un pò di calorie te le spedisco subito!! grazie :-)))

      Elimina
  6. Complimenti per la ricetta e la vignetta, poi che dire superlativa! Sei veramente fantastica baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina
  7. Al grido di "gamberi per tutti", mi unisco alle ovazioni per questo soufflè che mi lascia a bocca spalancata, più che aperta, per la sorpresa di questi abbinamenti.
    Hai ragione questo gioco sa tirare fuori incredibili versioni e, soprattutto, ci insegna a "pensare" le ricette prima di realizzarle.

    Complimenti e bellissimo il tuo disegno, oramai è un appuntamento fisso ! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loredana! mi sa che di gamberi in giro non se ne trovano più!!!!

      Elimina
  8. Cara Franci, ai quanto quoto le tue proposte sia quelle culinarie sia quelle illustrative...
    ed ogni volta ti superi in tutte! Questa è strepitosa!!!!!! E lo dico perché anche io andavo di gamberi e brandi, ma adesso lascio stare, non riesco dopo questa tua proposta e quella della Mari.... questo è un comploto!!! Ecco cosa succede per lasciar passar i giorni!!!

    Grandissima e besios!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no e no! aspetto la tua ricetta, okkkk??? sai che ho fatto la salsa Sangria pensando a te? los camarones con la sangria è uno dei ricordi gastronocmici più vivi dei miei viaggi in Spagna.. te quiero querida! :-)

      Elimina
  9. dimenticavo!!!... la salsa alla sangria?beh....!
    mi fai paura, tu vuoi la medaglia e la ci stai andando a prenderla...!

    RispondiElimina
  10. Prima cosa: concordo con Fabiana, ma un libro di vignette no?
    Secondo: concordo con Mai. Salsa alla sangria??? Ma che genialità è?? Questa è sa primo premio! E poi la farina di nocciole...e i gamberi sfumati col Cognac...
    Ogni mese sforni una meraviglia, e la vittoria si avvicina...ne sono più che sicura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arianna! potrei dire "senti chi parla" :-))))

      Elimina
  11. un sola cosa. mi hai lasciata senza parole. E quando l'oggetto di questo tacere è la sottoscritta, l'impresa ha un che di miracoloso... la Fabiana sarà su una mongolfiera, ma tu sei su un missile, lanciata a mille verso altri pianeti, ragazzza mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza parole...tu??? allora l'ho combinata grossa! grazie Capitano, o mio Capitano! :-)

      Elimina
  12. ...Ed ecco la prossima vincitrice a mani basse dell'MTC!!!
    Mi vergogno del mio soufflé, ecco. Perché pure io ho usato i gamberi (ma non da soli), solo che una salsa come questa mai me la sarei sognata, una meraviglia!!!
    Sempre più immensa Francy, e i tuoi disegni sono sempre spiritosissimi!!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhhh adesso poi! aspettiamo di vedere la tua ricetta, prima!! :-) grazie Mapi, sei tanto cara!

      Elimina
  13. complimenti!!!! un suffl strepitoso!!! ma brava!

    RispondiElimina
  14. Come non concordare anche io con Fabiana? Le tue vignette sono bellissime e divertenti, pensaci sul serio all'idea del libro, pensa che bello! Io intanto mi copio questa ricetta strepitoso questo soufflè!!!!!!!!!!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se dovessi raccattare in giro tutte le vignette che ho disegnato in questi anni ci si farebbe sì un librone! ma resto con i piedi per terra, non ho un tratto particolare nè particolarmente bello. Io mi diverto da matti e mi piace disegnare, il resto è contorno! grazie Alice!!!

      Elimina
  15. Per il fatto che ti partono dei film in testa non vi erano dubbi visto le ricette che ci proponi ogni mese.Ma questa mi ha davvero lasciata incantata,senza parole,solo una sensazione di appagata e serena soddisfazione,come se l'avessi assaggiata quella nuvola di sapori;la tua descrizione precisa e meticolosa della ricetta e le tue parole che concludono il post sono lo specchio di una donna che vive con passione autentica questa sfida uscendone ogni mese sempre più ricca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Antonietta! in effetti volevo raccontare e cercare di far capire il più possibile quello che avevo assaggiato. Non sono bravissima con le parole, ma forse qualcosa è arrivato! un bacione grande!

      Elimina
  16. Ma come è che siete tutte a lamentarvi e poi fate delle meraviglie??? Forse sarebbe meglio non passare più da nessuna di voi, altrimenti mi viene un attacco di bile…
    Grandiosa ricetta, con la salsa alla sangria (e leggendo la tua ricetta, mi è venuto un altra idea, ma ovviamente non all'altezza della tua) e un colpo da mestar con la farina di nocciole…
    L'unica cosa che mi rimane da capire è perché mi sei ancora simpatica???

    RispondiElimina
  17. franci e che strepitosa ricetta coma hai pensato a questo insieme di gusti ???? io sono ancora qui a pensare lo faccio o non lo faccio aiutoooo
    e le tue vignette mi fanno impazzire

    RispondiElimina
  18. Che bontà e che abbinamenti celestiali!
    Colori, contrasti, abbinamenti...tutto perfetto e curato, studiato e bellissimo! Mi stupisco che tu, così geniale nel disegnare ogni mese le ricette, non abbia ancora scoperto il sistema per farci assaporare queste bontà solo approdando sul tuo blog! brava!

    RispondiElimina
  19. il primo posto è per la vignetta :-)
    seconda la salsa e parimerito il soufflè! strepitosa l'idea della salsa sangria, ma il soufflè con i gamberi me lo sogno la notte... in casa mia per problemi di allergie non si mangiano crostacei e pesci e per me sola non li cucino quasi mai :-(
    Bravissima!

    RispondiElimina
  20. Mooolto interessante quella salsa sangria!!! Me la pregusto già insieme al soufflé... Complimenti!!! ;-)

    RispondiElimina
  21. io adoro il pesce e la sangria, come non amare questo soufflè! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  22. Ciao! Complimenti per il blog, l'ho appena scoperto e ci siamo unite ai tuoi lettori fissi. Se ti va di ricambiare ci trovi qui:
    www.sevacolazione.blogspot.it
    V

    RispondiElimina
  23. Gamberi al cognac e salsa alla sangria: ma io ti adoro!
    Quando ho voglia di rimettermi all'opera col soufflé questo lo provo di certo perché incontra al 100% i miei gusti!!!
    Il disegno fa morir dal ridere :D

    SUPER!!!!!!

    FedeB

    RispondiElimina
  24. sul disegno non mi pronuncio perchè rischio di ripetermi, parliamo invece del soufflè....i gamberi si prestano molto a questa preparazione, basta vedere quanti di noi li hanno usati, me compresa. Ma l'idea di abbinarli ad una salsa alla sangria è davvero originale. Bravissima !

    RispondiElimina

Ditemi la vostra!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...