Pagine

DOVEVAMO ESSERE.. CAMILLE (una storia triste) - BORN TO BE.. CAMILLE (a sad story)


For English version see the bottom of this post
Siamo venute al mondo il sabato pomeriggio di un week-end da paura, detto anche il weekend dello schiavo: spesa, stiro e pulizie.
Il primo tentativo di metterci al mondo si era risolto in un flop clamoroso. I dischi volanti (o U.F.O.) usciti dal forno sono andati (volando, appunto) dritti dritti nel bidone.
Ma la nostra “mamma” non si è data per vinta.
Dopo un timido tentativo (fallito) di contattare direttamente l’azienda produttrice delle “originali” per ragguagli sulla ricetta autentica, dopo essersi letta l’elenco ingredienti sul retro dell’involucro delle “originali” come fosse la Bibbia, dopo aver riformulato la ricetta, aggiustato un po’ le dosi, diminuendo un ingrediente e aumentandone un altro, finalmente era piuttosto soddisfatta del procedimento elaborato, e fiduciosa del risultato.
Sì, siamo noi il risultato, ehm…
Siamo le sosia delle Camille, le deliziose tortine di carota, mandorle e arancia di una nota marca, sicuramente avete capito quale.
Loro sono le più belle, le più ammirate sullo scaffale delle merendine, le prime della classe, quelle piene di antiossidanti e vitamina A e C, quelle che tutti vogliono e che tutti comprano.
Noi invece siamo quelle “casalinghe” , quelle semplici, senza troppi fronzoli, insomma.. le sfigate della classe.
Sì ok, dalla nostra abbiamo che siamo genuine, siamo preparate con amore, una ad una eccetera eccetera.  Non come quelle comperate, fatte da robot senza cuore né anima.
MA ALLORA… PERCHE’ NON SIAMO IDENTICHEEEEE???????
Dove ha sbagliato la nostra mamma? Quale ingrediente doveva essere meglio dosato, o tolto, o aggiunto??? Non sapremo mai. Che storia triste.
E non andatelo a dire a lei, alla mamma, che ancora gongola per la nostra bontà, per l’aroma di arance e carota che sprigioniamo ad ogni morso. E per quel chiaro sentore di mandorla.. lei dice: “ GNAM!” e “YUMM!”.. per cui non diteglielo, per favore.
Non rovinate la sua estasi culinaria. Lei ci ama, ci adora. Alla faccia degli antiossidanti.

Ingredienti 
(per circa 20 piccole tortine taglia muffin piccolo):
Ingredienti:
1 uovo
120 gr di zucchero
1 pizzico di sale
50 gr di mandorle tritate
100 gr carote tritate + scorza grattugiata di arancia
25 gr di olio di girasole
25 gr di succo di arancia
50 gr di latte
150 gr di farina 00
½ bustina di lievito Pane Angeli

Pre riscaldate il forno a 180°C statico.
Setacciare la farina con il lievito e mettere da parte.
Pelare e grattugiare le carote e tenerle in ammollo nel latte per 10 minuti assieme alle scorze grattugiate dell’arancia.
Montare l’uovo con lo zucchero fino a che non avrete ottenuto un composto bello gonfio.
Sempre mescolando aggiungere le carote e scorze ammollate col latte, l’olio e il succo di arancia.
Unire poi le mandorle tritate finemente e per ultimo la farina mischiata col lievito.
Otterrete un composto piuttosto liquido.
Disponete dei pirottini di carta (magari mettetene un paio uno sull’altro per dare più rigidità) su una teglia da forno o se l’avete nella teglia da muffins
 Cuocere per circa 20 minuti.

Con questa ricetta la nostra “mamma” voleva partecipare al concorso di Valentina del blog Ritroviamoci in cucina "Come quelli comprati" (vedi un po’ tu Valentina… lei ce l’ha messa tutta!)

 

ENGLISH VERSION:
We were born on a Saturday afternoon of a scary week-end, a.k.a. slave weekend: errands, ironing and house cleaning.
The very first try to let us born ended up with a crushing defeat.  Those flying disks (or U.F.O.) that came out from the oven finished their flight (indeed) straight into the garbage tin.
But our “mommy” didn’t give up: after a faint attempt (failed) to get in touch with the company producing the “originals” in order to obtain more information on the authentic recipe, after having read the list of ingredient and their percentages on the back of the package of the “real ones” as it was the Holy Bible, after having adjusted the recipe, diminishing an ingredient and rising another, finally she was quite satisfied with the process worked out, and confident in the result.
Yes, we are “the result”, ehm…
We are the replica of Camille, the delicious carrot, almond and orange little cakes of a well-known brand, you’ve already got which one for sure.
FOTO
Camilla are the most beautiful and admired little cakes on the supermarket shelf, the top of the class, those full of antioxidants and Vitamins A and C, the ones everybody wants and everybody buys.
We are those “home-made”, simple, no-frills instead.. well, the bottom of the class.
Yes, ok, our strong points are: genuinity, prepared with love, one at the time, etc etc.. Not as the ones you buy, made out of a robotic procedure without soul and without heart.
SO…WHY AREN’T WE IDENTICAL???????
Where do our mommy go wrong? Which ingredient had to be better measured out, or eliminated, or added??? We will never know the answer. What a sad story.
And please don’t tell to her, to mommy, that is still  so proud of us being so good, full of carrot and orange flavours that you can taste at every bite. And also for that delicious almond taste… she always says “GNAM!” and “YUMM!” .. so please, don’t tell her.
Do not spoil her culinary extasy. She loves us, she really does. In spite of antioxidants!

Ingredients (serving: about 20 small muffin size):


1 egg
120 gr sugar
1 pinch of salt
50 gr finely chopped almonds
100 gr grated carrots+ grated orange zest
25 gr sunflower oil
25 gr orange juice
50 gr milk
150 gr all-purposes flour
2 tsp baking powder

Pre heat your oven to 180°C static.
Sift flour and baking powder in a bowl and set aside.
Peel and grate carrots and let them soak in the milk with the orange zests .
Whisk the egg with the sugar until it becomes fluffy and pale.
Add the carrot-zest-milk mixture, stir well then add oil and orange juice. 
Stir again and add the almonds and as last ingredient the flour+baking powder.
What you'll have it is a quite fluid mixture.
Place muffin cups in the muffin pan and spoon a couple of spoonfuls of batter in each cup.
Bake for about 20 minutes.
Let cool on a rack.


With this recipe our "mommy" wanted to partecipate to the contest "Come quelli comprati"(Like the bought ones) by Valentina of the blog Ritroviamoci in cucina (it's up to you Valentina.. our mom did try hard!!)



43 commenti:

  1. Non sai quanto mi hai fatto ridere. Troppo carino il post. Alla fine non ho capito se non sei rimasta soddisfatta della somiglianza nel gusto o nell'estetica. Comunque vado ad aggiungerla subito in lista :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Valentina sono soddisfatta, al di là della storiella, perchè il gusto era ottimo e molto somigliante. Il colore esterno era quasi identico, il colore interno no. Le mie sono di un arancio più chiaro, forse loro usano carote grattugiate "annerite" hai presente quando le lasci all'aria? boh. Magari il prossima volta ci provo. Altra cosa: non ho trovato degli stampini "a cupola" per riprodurre l'esatta forma. Soddisfazione finale: dal 7 all' 8. Baci!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Antonietta... io ce l'ho messa tutta... !

      Elimina
  3. ho letto il tuo commento sopra...a me sembrano morbidose come le originali (io da piccola le mangiavo col cucchiaino XD)...per il colore non mi meraviglierei del fatto che probabilmente nelle originali ci mettano anche del colorante, quindi non starci troppo a pensare :) la prossima volta perchè non ci aggiungi il malto? visto che loro usano la maltodestrina potrebbe anche essere quello a dar colore? :D buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che idea quella del malto! me la segno, grazie!! bacioni e buona giornata!

      Elimina
  4. Ma Francesca, sono identiche! almeno quelle della prima foto, le altre forse sono un po' palliducce ma ..sono loro, indubbiamente! Io non ci provo nemmeno a eguagliare le cose comprate, sei temeraria! Perchè...le cose comprate hanno un loro fascino anche loro, inutile negarlo...;-)
    ma consoliamoci: le nostre sono ....sane!;-)
    Grazie del gioco, erano anni che non giocavo!
    CInzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia! fiuuuu! allora ti è passato l'inc..arrabbiatura per il gioco ;-)) bene, sono contenta allooooraa siamo ancora amiiicheeee?! riguardo alle tortine: mi piaceva troppo l'idea dietro questo contest, così ho voluto partecipare.. inizialmente pensavo alle girelle poi ho optato per qualcosa di meno pesante. è vero quelle comperate hanno un loro perchè, ma quelle fatte in casa almeno non ti chiedi "ma che cavolo ci hanno messo dentro?" eheheheh! bacioni!

      Elimina
  5. Francesca sei troppo forte......ma guarda che sono più belle le tue......a me i dolci perfetti e finti non mi piacciono......vuoi mettere quanto sono più belli quelli storti e rustici fatti in casa!!!!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sabina! le mie sono meno scure, le definirei teutoniche. Ma bone sono bone nella loro imperfezione! bacioni!

      Elimina
  6. Oddio io ADORO le camille!!! quand'ero piccole ne mangiavo un sacco.....che bei tempi!!! Ti sono venute benissimo!!! Complimentoni!!! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Violly! io le compro a mio figlio più piccolo, e ogni tanto così le mangio anche io, per rimembrare i bei tempi andati... Baci!

      Elimina
  7. 'naggia a te! Sai che dal titolo del post mi stavo pure preoccupando? A me non sembrano per nulla il brutto anatroccolo anzi. E ci metto pure la mano sul fuoco che sono tremila volte meglio delle sorelle famose. 'spetta che ne prendo una e faccio la prova assaggio...bbbboooooooooona! Visto, che t'avevo detto: PROMOSSE a pieni voti. Un bacione, buona serata

    P.S. se non si fosse capito, vado matta per queste tortine alla carota ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede! mi fido del tuo giudizio, sei un'esteta nata e sicuramente una buongustaia! ne vuoi un'altra? ;-)

      Elimina
  8. sei spettacolare ho riso un casino!!! sono buonissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena! erano buonissime in effetti..

      Elimina
  9. Bello il post con la ricetta che si presenta! ^-^
    A me, e non esagero, sembrano perfette! Ne mangerei una proprio ora! ^_^
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna! è stato divertente scrivere questo post, e anche mangiare le tortine ...ehehehehe ;-) Bacioni!

      Elimina
  10. ma sono bellissime ^_^ e sicuramente buonissimeeeee :) :) complimenti splendide ricette e ti seguo con molto piacere se ti va passa nel mio blog anche se sono alle prime armi ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! certo che passo, che credi, anche io sono alle prime armi! bacioni e a presto!

      Elimina
  11. ma cosa dici? sono una meraviglia!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Batù! allora basta, deciso: cambio il titolo e tolgo la frase fra parentesi e ci metto (storia con happy end) che ne dici? bacioni!

      Elimina
  12. I love them ! I hope you'll win the contest ! They just arrived in the top-list of my to-do list :D
    So cute story <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Poppy! had so much fun both writing the post and preparing the cakes! ok great, let me know if you liked them! Bisoux!

      Elimina
  13. che meraviglia la tua ricetta! l'assaggerei molto volentieri!! un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia! grazie, sai che stavo pensando a una ricetta per partecipare al tuo contest fashion food? queste tortine sono troppo rustiche, ci vorrebbe qualcosa di particolare..bacioni!

      Elimina
  14. Complimenti, questa volta la copia è meglio dell'orginale! baciotti e ronron Helga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Helga! se la provi fammi sapere!!! bacioni a tutti e due!

      Elimina
  15. Che brava Francy, ecco questo è un dolcetto che vorrei saper fare anch'io, alla faccia del non riuscito, te ne farei vedere io di dolci da buttare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, Sara non ci credo... questa è facile, se ti piace provala! baci

      Elimina
  16. Ciao, restituisco la visita al mio blog. Rimaniamo in contatto!!!

    Per le camille...ricordo di aver visto una ricetta casalinga. Se la trovo ripasso su questo post. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Rosy, troppo carina!!! certo che rimaniamo in contatto! bacioni!

      Elimina
  17. Francy, ho girato il premio, se ti va passa da me!!
    Le camille le faccio sicuro, Daniele le adora....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! poi attendo tuoi commenti!

      Elimina
  18. Anche il mio primo esperimento è finito nel bidone... mi sono scoraggiata ed è finita lì. Ma convervo la tua ricetta e ci riprovo, queste sono bellissime... si sa che quelle casalinghe sono più naif (che poi ti asicuro nemmeno tanto, a me sembrano molto belle dentro e fuori), ma anche più genuine e più buone! Molto brava!!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! se le fai poi fammi sapere! bacioni!!

      Elimina
  19. Complimenti ti sono venute davvero fantastiche, le produzioni home made sono sempre il Top.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie! trooppo buono! a presto!

      Elimina
  20. mamma mia che ridere questo post!! Fantastico, come sono fantastiche le tue camille!! nulla da invidiare alle prime della classe!!

    RispondiElimina
  21. Complimenti per questo post, come vedi è talmente simpatico che ti sei meritata una menzione speciale dai giudici. Bacioni.

    RispondiElimina
  22. sono bellissime le tue camille e sicuramente più buone delle "prime dello scaffale merendine"!
    a presto e ti seguo con molto piacere
    sara

    RispondiElimina

Ditemi la vostra!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...