Pagine

La mia Denver Omelet per il Club del 27!

 

E' nato prima l'uovo o la gallina? con questo dilemma in mente questo mese al Club del 27 ci siamocimentate nel riprodurre alcune ricette tratte dal libro All about Egg di Rachel Khong.

Tante ricette da ogni parte del mondo, una più originale, fantasiosa e particolare dell'altra.

Chi l'avrebbe mai detto che ci sono così tanti modi di preparare un uovo e così gustosi?

Io ho scelto la Denver Omelette, un tripudio di sapore e soddisfazione del palato!

DENVER OMELETTE



Per una persona

2 noci di burro

2 cucchiai di cipolla bianca a cubetti

2 cucchiai di peperone verde a cubetti

2 fette di prosciutto a listarelle

sale e pepe nero macinato al momento

3 uova sbattute

tabasco q.b.

30 g di formaggio cheddar (o altro filante)

 una fetta di pane tostato per servire

                                                           

1. Sciogliere a fuoco medio il burro in una padellina antiaderente Aggiungete la cipolla e il peperone e cuocete mescolando per un minuto. Aggiungete il prosciutto e regolate di sale e pepe generosamente. Continuate a cuocere fino a che le cipolle e i peperone siano rosolati, circa un minuto. 

Versate le uova nella padella e mescolate per amalgamarle alle verdure e prosciutto. Lasciate cuocere l'omelette fino che il fondo sia rosolato e rassodato, circa due minuti. Rovesciate l'omelette e aggiungete sulla superficie il tabasco a vostro gusto e il formaggio. Quando l'omelette è rosolata piegatela a metà e trasferitela in un piatto. 

Servite con una fetta di pane tostato.


I miei Blueberry Ginger Studmuffins per il Club del 27!


Oggi al Club del 27 ci addolciamo con le fruit cake! cosa sono? sono dolci di vario tipo in cui è presente in modo importante un frutto sotto varie forme, fresco, in purea, in succo o altro.
Tutte le ricette tratte dal libro Fruit Cake di Jason Schreiber. 
Nella pagina del Club potete trovare la carrellata completa, una più golosa dell'altra!!

Avendo in casa un piccolo chef pasticcere che ama stare ai fornelli e, appunto, pasticciare e che si è specializzato nei muffins, la mia scelta è stata abbastanza obbligata.

Questi Blueberry Ginger Studmuffin sono come i deliziosi ed ormai iconici muffin ai mirtilli ma con un delizioso twist dato dallo zenzero. Studmuffin in inglese è un termine colloquiale per indicare un bell'uomo, inteso come quando passa uno e tu dici "che bel pezzo di manzo!" o giù di lì.. :)))
Cosa ci azzecchi con i muffin non so, forse per indicare che questi sono proprio bbboooniiiii?? 
Può essere, perchè in effetti lo sono!

Ok dopo questo divagare passiamo alla ricetta:


 ricette

 

 

320 g Farina 00  320 g 

 

 

3320 grams plus 9 grams

5 g lievito per dolci 5 g



1 pizzico sale fino 


1 pizzico bicarbonato di sodio


280 g mirtilli freschi 



83 ml olio vegetale 



2 uova grandi large 



210 g zucchero semolato 



250 g yogurt greco intero 



succo e buccia grattugiata di 1 limone 



30 g zenzero fresco grattugiato 


40 g zenzero candito tritato finemente 


very finely chopped 


1.  Pre riscaldate il forno a 220°C con la griglia nella posizione centrale. Mettete i pirottini di carta nello stampo da muffins a 12 cavità. 

2.  In una ciotola capiente mescolate tutta la farina tenendone da parte circa un cucchiaio, aggiungete il bicarbonato, il lievito e il sale e mettete da parte. In una ciotola più piccola mescolate i mirtilli con un cucchiaio circa di farina. 

3.  In un'altra ciotola capiente sbattete le uova con l'olio, lo zucchero, lo yogurt e il succo e la scorza di limone. 

4.  Spremete lo zenzero da una garza e raccoglietelo in una ciotolina, cercando di estrare più liquido possibile per averne circa 30 ml. Scartare la polpa. Unite mescolando il succo di zenzero al mix con lo zucchero. 

5.  Fate un buco al centro del mix con la farina e aggiungete gli ingredienti liquidi. Con una spatola di silicone mescolate gli ingredienti secchi nei liquidi mescolando dall'esterno verso il centro. Quando tutta la farina sarà amalgamata ma è presente ancora qualche grumo, unite delicatamente i mirtilli e lo zenzero candito. Dividete il composto nei pirottini e cospargete generosamente la superficie con dello zucchero. 

6.  Cuocete per 5 minuti a 220°C poi abbassate la temperatura del forno a 190°C e proseguite la cottura fino a doratura, circa altri 20 minuti. 

7.  Sfornate i muffins e fateli raffreddare 5 minuti dentro la teglia poi trasferiteli sopra una gratella fino a raffreddamento completo. 

8. GNAMMMMMMMMM!!!

Zuppa di lenticchie rosse al curry per il Club del 27! - Curried red lentil soup



Oggi giornata super speciale per tre motivi:
Primo fra tutti oggi è il compleanno di una persona per me speciale, un'amica che sento sempre vicina nonostante la distanza immensa quando abitava a Singapore, la distanza attuale causa pandemia e residenza in regioni diversamente vicine :) e quella di un prossimo futuro quando se ne volerà a Londra per rimanerci chissà quanto. Ad ogni modo, lei è l'esempio vivente che la distanza è solo uno stato mentale, non esiste se si vuole bene a qualcuno, si ha passione per qualcosa, o si hanno troppe cose da fare in sempre troppo poco tempo! Insomma mitica Ale del mio cuore, tanti auguri per il tuo compleanno, che sia una giornata meravigliosa!

Il secondo motivo è che oggi è la giornata della memoria delle vittime della Soha, della cieca follia nazista. Non dimentichiamo l'orrore di quegli anni, le vittime che sono cadute nei campi di concentramento. Insegniamo alle giovani generazioni la storia di queste persone, bambini, anziani, donne e uomini caduti per follia e crudeltà.

Il terzo ma non il meno importante è che oggi è il primo appuntamento del  2021 per il Club del 27!!! Sperando che questo 2021 sia veramente un anno di rinascita per tutti, che come dicevano le nonne porti salute, soldi e felicità che ce ne vogliono di tutti e tre squintalate in tutto il mondo.

Col freddo che fa non si poteva che buttarsi su delle belle zuppe fumanti, dalla raccolta delle migliori zuppe di tutti i tempi di Cook's Illustrated, autorevole rivista americana.

Io ho scelto questa buonissima zuppa di lenticchie rosse al curry, provatela e la rifarete mille altre volte!

E' veloce da fare perché le lenticchie rosse si cuociono in molto meno tempo delle altre e il curry, lo zenzero e gli altri aromi danno a questa zuppa un gusto incredibile!




PER 4 PERSONE

200 g di lenticchie rosse, sciacquate bene 

400 ml di brodo vegetale

2 noci di burro

1 cipolla tagliata fine

3 spicchi d'aglio tritati 

1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato

1 cucchiaio di curry in polvere

1 pomodoro grande, tagliato a cubetti

Sale e pepe

2 cucchiai di coriandolo tritato (o prezzemolo)

125 g di yogurt bianco (facoltativo)

                                                

Cuocete le lenticchie in  metà brodo fino a quando la maggior parte del liquidi sarà assorbita, circa 10 minuti.

Nel frattempo in una casseruola sciogliete il burro a fuoco medio, aggiungete la cipolla e fate cuocere fino a che sarà morbida, circa cinque minuti. Aggiungete mescolando l’aglio, lo zenzero e il curry in polvere e cuocete per 30 secondi.

Aggiungete le lenticchie, il pomodoro e il restante brodo e lasciate sobbollire fino a che le lenticchie saranno molto tenere e i sapori ben amalgamati, circa 15 minuti.

Regolate di sale e pepe.

Cospargete ciascuna porzione con il coriandolo e aggiungete un ciuffo di yogurt.


I miei Lebkuchen per lo swap natalizio del Club del 27!
















Per lo swap natalizio il Club del 27 si è concentrato sulle preparazioni più classiche e gettonate: i biscotti!

Cos'è uno Swap? è uno scambio di regali : io preparo una ricetta di biscotti, la impacchetto, scrivo un bel bigliettino e la spedisco all'amica/o a me associata e lei o lui farà lo stesso per me.

In un'epoca dove è tutto sempre più virtuale è stato veramente emozionante confezionare e spedire un pacchetto e ovviamente anche riceverlo!

Io sono stata abbinata alla cara Antonella Eberlin del blog Cucino Io e come ricetta ho avuto quella dei Lebkuchen di una personcina a me altrettanto cara, la mitica Chiara Picoco del blog Chicche di Kika, biscottatrice seriale!

Mentre a me sono arrivati questi meravigliosi Stollen blondies a forma di alberelli di Natale da una vera fuoriclasse della pasticceria: la nostra presidentessa del Club del 27, Ilaria Talimani del Blog Soffici Blog. Gli stollen non sono veri e propri biscotti, sono qualcosa di meravigliosamente burroso, profumato, scioglievole. Un mix di spezie e frutta secca e disidratata, con decorazioni di marzapane e glassa. Un vero comfort food per le feste da gustare con una bella tazza del vostro tè o della vostra tisana preferita. Ila, se non ci fossi bisognerebbe inventarti! Grazie infinite!!!!!  

Guardate qui che meraviglia:





Ecco qui il mio pacchetto pronto per la spedizione con tutti i pacchettini di biscotti e il biglietto con vignetta per Antonella!
















I Lebkuchen sono biscotti speziati con farina di segale tipici della tradizione natalizia tedesca. 
















Riporto la ricetta di Chiara:


Ingredienti
360 g di farina di segale
140 g di farina 00
100 g di mandorle tritate finemente
150 g di miele d'acacia
150 g di miele millefiori
100 g di burro
75 di zucchero
15 g di zenzero candito tritato
buccia di 1 arancia grattugiata
1 cucchiaino di bicarbonato
40 ml di latte
1 cucchiaio di rum
2 uova
misto spezie per Lebkuchen:
2 cucchiaini di cannella
2 cucchiaini di cacao amaro
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 cucchiaino di chiodi di garofano
1 cucchiaino di noce moscata
1 cucchiaino di pimento
1 cucchiaino di coriandolo
1 cucchiaino di cardamomo

Unire tutti gli ingredienti ed impastare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Formare una palla, avvolgerla con pellicola trasparente e mettere in frigorifero per almeno 12 ore [il composto alla fine risulterà piuttosto morbido e appiccicoso, trasferite subito in frigo a rassodare, dopo il riposo risulterà perfettamente lavorabile]
Stendere la pasta a circa 5 millimetri di spessore e ricavare delle formine con dei taglia biscotti.
Infornare a 180° per 8/10 minuti. 


Far raffreddare su una gratella e procedere con la glassatura.

Per la glassa al cioccolato:
100 g di cioccolato fondente
1 cucchiaio di zucchero a velo
5 cucchiai di acqua bollente 
1 noce di burro

Mettere il cioccolato sciolto a bagno maria e lo zucchero in una ciotola, aggiungere l'acqua e poi la noce di burro, mescolare fino che non diventa bella liscia.
Applicare sui biscotti con un pennello e decorare, a piacere, con zuccherini colorati.


Per la glassa bianca:
200 g di zucchero a velo
3 cucchiai di acqua

Mettere lo zucchero in una ciotola e aggiungere un cucchiaio di acqua alla volta fino a quando non diventa della consistenza desiderata.
Applicare sui biscotti con un pennello e decorare, a piacere, con zuccherini colorati o con mandorle "nature".


Zuppa di zucca arrostita e ceci croccanti

Torna il Club del 27 per festeggiare l'autunno con il suo ortaggio simbolo: la zucca!

Ortaggio super-versatile, ottimo nelle preparazioni salate come in quelle dolci. Pochissime calorie e tante proprietà benefiche! 

Il Club del 27 propone oggi una miriade di ricette con la zucca, una più buona e originale dell'altra!

Quindi andate subito a sbirciare nella pagina di MTChallenge  dove troverete l'elenco completo!

Io ho rifatto la ricetta di Leila Capuzzo del blog Il Profumo dell'acqua la zuppa di zucca arrostita e ceci croccanti. Una vera delizia, la zucca dà il meglio di sè in forno, leggermente abbrustolita poi accomapganata con ceci croccanti e speziati è stata una bellissima scoperta!  grazie Leila!


Per 6 persone

1.5 kg di zucca 

1 cipolla rossa 

1 testa di aglio 

½ cucchiaino di cannella 

1 peperoncino rosso (facoltativo)

2 cucchiai di olio di oliva

1.5 l di brodo vegetale o acqua

sale e pepe

1 lattina di ceci scolati

2 cucchiaini di paprika anche affumicata

1 cucchiaino di cumino

1 pizzico di pepe di cayenna

sale e pepe

3 cucchiai di olio di oliva

1 vasetto di yogurt al cocco o al naturale  (io non l’ho messo)

6 cucchiai di prezzemolo tritato grossolanamente

 


                                                          

Preriscaldate il forno a 200 °C. Sbucciate e tagliate la zucca in cubetti (oppure anche a fette con la buccia che toglierete molto più facilmente una volta cotta). 

Sbucciate e tagliate la cipolla a metà. Irrorate le verdure con l’olio di oliva e mescolatele fino ad ungerle uniformemente. Tagliate la parte superiore dell’aglio in modo che gli spicchi siano leggermente esposti. Avvolgetelo in un foglio di carta forno o stagnola e mettetelo in una teglia da forno insieme alla zucca e alla cipolla rossa. 

Cuocete il tutto nel forno per 40 minuti, togliendo l’aglio dopo 30 minuti di cottura, fino a quando i bordi della zucca non cominciano a diventare dorati. Lasciate raffreddare per 10 minuti.

In una casseruola grande mettete la verdura arrostita, 4 spicchi della testa di aglio cotta, il peperoncino (se l’avete usato) e la cannella, aggiungete il brodo vegetale, un pizzico di sale e pepe e fate sobbollire dolcemente per 15 minuti.

Nel frattempo in una piccola teglia mettete i ceci con le spezie il sale e il pepe, condite con l’olio di oliva e mescolate bene. Fateli arrostire in forno per 15-20 minuti, a 180-200°C finché non sono dorati e croccanti.

Togliete la zuppa dal fuoco.

Utilizzando un frullatore o meglio ancora un mixer ad immersione frullatela finchè non diventa bella liscia (io l’ho lasciata volutamente “grossolana” perché mi piace di più, anche se esteticamente non è il massimo!).

Regolate di sale e pepe.

Servitela in ciotole individuali decorata con i ceci arrostiti, il prezzemolo e un poco di yogurt.

Questa zuppa è buonissima anche a temperatura ambiente e potete prepararla ancor più velocemente cuocendo la zucca e tutte le verdure in pentola invece che in forno. 



MTChallenge Taste the World - Prova creativa: Frittelline di red rice con mele e uvetta




























English version below
Non so perchè ma da quando il mio unico neurone si è messo in moto per la ricetta creativa, l'unica cosa che riuscivo a pensare era ad una ricetta dolce, che non è proprio una cosa immediata quando parli di red rice, ovvero riso pilaf cotto con pomodoro, la ricetta della sfida di questo mese all'Mtchallenge dedicata alla popolazione dei Gullah-Geechee abitanti nelle Lowcountries statunitensi ma di origini africane dell'ovest.

Eppure gira e rigira non riuscivo a pensare ad altro che ad una ricetta dolce, cercando fra gli ingredienti che avevo in casa disponibili in quel momento.

Ho trovato delle mele, fra le spezie della cannella e dei chiodi di garofano, in dispensa c'era la mia amata uvetta sultanina che ho ammollato in un pò di rum per darle un pò di tono :) e ovviamente il riso basmati cotto stavolta nel latte di riso e passata di pomodoro.

Sono nate così queste frittelline di red rice con mele ed uvetta.
Preparate il composto il giorno prima del giorno in cui intendete friggere, le frittelle si formano meglio e ne guadagna il sapore.




per circa 6-7 frittelline
40 g di burro
1 mela pelata e tagliata a dadini
una stecca di cannella o una punta di cucchiaino di quella in polvere 
un paio di chiodi di garofano
Scorza di limone
1 foglia di alloro 
110 g di riso basmati
200 g di latte di riso
90 g di salsa di pomodoro
70 g di uvetta sultanina
rum q.b. per coprire in ammollo le uvette
80 g di zucchero di canna
2 cucchiai farina di riso q.b. + per impanare
1 uovo 
olio per friggere


In una casseruola fate fondere il burro a fiamma medio bassa unite le spezie e la mela pelata e tagliata a cubetti. Fate rosolare qualche minuto poi unite il riso precedentemente sciacquato. Fate tostare 3-4 minuti poi unite il latte di riso, la passata di pomodoro e lo zucchero di canna.
Portate a bollore e poi abbassate la fiamma e coprite con un coperchio. Fate cuocere 20-25 minuti fino a completo assorbimento del liquido, mescolando di tanto in tanto.
Lasciate riposare 5 minuti coperto poi fate raffreddare, togliete i chiodi di garofano, la scorza e l'alloro e ponete in frigorifero una notte .



Mettete anche le uvette in ammollo nel rum per una notte.
Il giorno successivo unite al riso un uovo e un paio di cucchiai di farina di riso e formate le frittelline (prendetene un pugno e schiacciatele formando una frittella rotonda). Ripassatele nella farina di riso e friggete in olio ben caldo. Scolatele, asciugate l'unto in eccesso e spolverate con zucchero di canna.
Servite subito.



Con questa ricetta partecipo alla sfida creativa di Mtchallenge Taste the World dedicata al Red Rice dei Gullah Geechee



I couldn't think of anything but a sweet recipe, looking for the ingredients I had at home available at the moment.
I found apples, cinnamon and cloves, my beloved sultanas which I soaked in a little rum to give them a little tone :) and obviously the basmati rice cooked this time in the rice milk and tomato sauce.

Ingredients:
For about 6-7 pancakes
40 g of butter
1 apple peeled and diced
a stick of cinnamon or a teaspoon of the powdered one
a couple of cloves Lemon peel 1 bay leaf
90 g of tomato sauce
110 g of basmati rice
200 g of rice milk
80 g of brown sugar + a couple of spoons to sprinkle the top
70 g of sultanas
rum to soak the sultans
2 tablespoons rice flour + to coat
1 egg
fry oil

Directions:


In a saucepan, melt the butter over medium-low heat, add the spices and the apple. Brown a few minutes then add the rice previously rinced. Toast 3-4 minutes then add rice milk, tomato sauce, brown sugar and bay leaf.
Bring to a boil, low the heat and let cook covered for 20-25 minutes stirring occasionally until the liquid is completely absorbed.
Let it rest covered for 5 minutes than let it cool, remove the cloves, zest and bay leaf and put in the refrigerator.
Soak the raisins in the rum overnight.
The next day add them to the rice  together with an egg and a couple of spoons of rice flour. Form the pancakes (take a punch of batter and mash it with your hands formina a round flattish pancake)
Coat them with rice flour and fry in hot oil. Drain the pancakes and dry the excess oil. Sprinkle with brown sugar and serve immediately.

Mtchallenge Taste the World - Il Red Rice dei Gullah Geechee




Prende il via in questo strano, pazzo, funesto e bisesto anno "la prima cosa bella" del 2020: il nuovo progetto di Mtchallenge "Taste the World"
grafica di Mai Esteve

ideato da una sempre più vulcanica Alessandra Gennaro, che ha tirato fuori la sua anima (e laurea) da antropologa per regalarci un viaggio intorno al mondo molto particolare, entusiasmante e totalmente nuovo. Un progetto che ha come scopo conoscere e far conoscere al pubblico, con tutta la sensibilità e il rispetto che si conviene, le cosiddette "minoranze" del Mondo.
Popolazioni con tradizioni antiche, emigrate da terre lontane, spesso sfruttate, schiavizzate, emarginate che hanno però saputo mantenere la loro cultura intatta, le loro usanze tramandate, le tradizioni mai dimenticate e non ultime le loro ricette, ancora cucinate quotidianamente per ritrovare il conforto che solo il sentimento di appartenere a qualcosa di più grande e importante può dare, anche nei momenti più duri e bui.
Inauguriamo questo fantastico progetto con i Gullah-Geechee, popolo originario della zona occidentale dell'Africa che ora vive nel sud est degli stati uniti nella zona che va dallo stato del South Carolina fino alla Georgia. Vi invito a leggere l'articolo di Alessandra riguardante questo popolo: un bellissimo racconto sulle loro origini, le loro tradizioni, la loro sofferenza.
I discendenti dei Gullah-Geechee furono i primi a coltivare il riso al di là dell'Oceano Atlantico ed a loro dobbiamo la ricetta che vi proponiamo: il Red Rice.
Tanto è il rispetto che meritano e che noi vogliamo tributare a questa gente che la sfida sarà su due fronti: rifare la ricetta tal quale per acquisirne al meglio la tecnica, e dopo -e solo dopo- proporre una versione creativa della stessa.

Quindi ecco qui la mia prova tecnica del Red Rice, la ricetta è tratta dal libro Jubilee di Toni Tipton-Martin e prevede la cottura del riso col metodo pilaf. Tutto quel che c'è da sapere su questa tecnica lo potete leggere nel bellissimo post di Greta De Meo qui. Posso dire che la ricetta è perfetta, il risultato è un riso gustoso e perfetto nella cottura. Qualche consiglio: Seguite le dosi indicate e non allontanatevi troppo durante la cottura, va seguito e custodito fino a fine cottura.


RED RICE da Jubilee di Toni Tipton- Martin

 Stampa la ricetta
 Porzioni: 4

INGREDIENTI

3 fette di bacon a cubetti o 3 cucchiai di burro
½ cup di cipolla tritata (mezza cipolla) -
1 spicchio d’aglio tritato -
1 tazza di riso a grano lungo (225 g) -
180 g di concentrato di pomodoro -
1 cucchiaino di zucchero -
1 cucchiaino di sale -
½ cucchiaino di pepe nero
1 foglia di alloro -
2 cup di brodo di pollo o acqua (400 ml) - 

PREPARAZIONE

1. Se usate il bacon, fatelo cuocere a fiamma media, in una larga casseruola, fino a quando i cubetti sono croccanti e il bacon ha rilasciato il suo grasso (6-8 minuti). Scolate il bacon e tenetelo da parte. Se usate il burro, fatelo fondere, sempre in un’ampia casseruola 
2. Aggiungete la cipolla e fatela cuocere nel grasso, fino a quando sarà traslucida (2-3 minuti). Aggiungete l’aglio e proseguite la cottura per un minuto circa. Unite poi il riso e cuocetelo, mescolando, fino a quando i chicchi perderanno la loro trasparenza. Unite quindi tutti gli altri ingredienti e portate a bollore, a fiamma alta. 
3. Abbassate la fiamma, mettete il coperchio e proseguite la cottura per 20-25 minuti, mescolando di tanto in tanto. Quando il riso è cotto, spegnete il fuoco e fate riposare per 5 minuti, sempre coperto. Dopodiché, eliminate la foglia di alloro e sgranate il riso con una forchetta, prima di rovesciarlo nel piatto da portata 
4. Regolate di sale e pepe e , se avete usato il bacon, guarnitelo con i cubetti tenuti da parte



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...